TOUR

tour privati cortese

Vuoi visitare attrazioni culturali e archeologiche in Sicilia e Siracusa? Hai paura del traffico o dei trasporti pubblici in ritardo?
Autoservizi Cortese offre auto e minibus per guidare tour di turisti e gruppi in tutta la Sicilia. Goditi la tua visita al museo, ai siti archeologici, alle piazze e ai luoghi di interesse: con i nostri servizi avrai più tempo e più divertimento!
I nostri autisti ti condurranno vicino alla tua destinazione e con i nostri veicoli confortevoli e sicuri, ti divertirai con il trasferimento.

Ti guidiamo ovunque tu voglia e goditi le tue vacanze!

SIRACUSA

SIRACUSA

Siracusa è il perfetto mix delle culture greca, romana, medievale, rinascimentale e barocca che la Sicilia può presentare. 

Prima di tutto visiteremo la famosa zona archeologica, ammirando i magnifici resti della storia greca che rese Siracusa una delle città più importanti dell’epoca. 

Visiteremo il più grande teatro greco di Sicilia e l’incredibile grotta chiamata Orecchio di Dionisio.

Proseguiremo visitando l’isola di Ortigia, culla e centro storico con la sua maestosa cattedrale, tutto senza perdere eleganti negozi e caffè della città.

AGRIGENTO

Visita guidata della spettacolare Valle dei Templi:  Inserita nel 1997 nel “Patrimonio Mondiale dell’Umanità” dell’UNESCO, l’area archeologica di Agrigento è un importante testimonianza storica della Magna Grecia e dell’epoca successiva. I resti della città ellenistica e poi punico-romana, gli imponenti templi dorici – quasi intatti -, le agorà, le necropoli pagane e cristiane e la fitta rete di acquedotti sotterranei, costituiscono la ricchezza di un sito che si estende su circa 1300 ettari e racconta una storia millenaria iniziata nel VI sec. a.C. con la fondazione dell’antica colonia greca di Akragas. Articolata su terrazzi in cima ad un altopiano e con il suo impianto urbanistico a scacchiera, Akragas fu una delle più grandi città greche del Mediterraneo.

Vero e proprio cuore della zona archeologica di Agrigento, l’area dei Templi è un luogo unico da visitare. Il Tempio di Zeus o Giove Olimpico, di cui oggi sopravvivono solo le fondamenta e l’altare principale, era uno dei più grandi templi greci dell’antichità. Il più antico tempio di Agrigento è invece quello di Eracle o Ercole, mentre il meglio conservato è sicuramente il Tempio della Concordia: con ogni probabilità il più impressionante tempio greco dorico giunto ai giorni nostri dopo il Partenone di Atene. Contemporaneo al Tempio della Concordia è quello di Hera Lacinia o Giunone, che rimase fortemente danneggiato da un incendio verso la fine del V sec. a.C.. Da visitare sono anche: il Tempio dei Dioscuri; il Santuario dedicato alle divinità ctonie o “della terra” – Demetra e Persefone – che erano fortemente venerate dalle donne della zona; quello di Efesto o Vulcano, separato dal precedente da una piscina a confluenza di un antico e articolato acquedotto; il Tempio di Iside, di età tardo augustea-tiberiana; quello di Demetra, collegato alla Rupe Atenea, l’antica acropoli della città; il Santuario di Asclepio o Esculapio, dio greco della medicina, centro di riti terapeutici, e quello di Athena, oggi parte della Chiesa di Santa Maria dei Greci.

AGRIGENTO E PIAZZA ARMERINA

La Valle dei Templi di Agrigento, Patrimonio dell’Unesco, è tra i siti più importanti della Magna Graecia, culla di cultura che diede i natali anche al filosofo pre-socratico Empedocle. Imponente e ottimamente conservato è il Tempio della Concordia (430 a.C.), mentre sul punto più alto giace il Tempio di Giunone (450 a.C.) che porta i segni anche della guerra coi cartaginesi. I Templi di Ercole (eroe dell’antica Akragas), ZeusCastore e Polluce, ti trasportano tra le pagine dei libri di storia. Biglietto ingresso extra.

Oltre alla Valle dei Templi visiteremo anche  Piazza Armerina, splendida città d’arte, vanta monumenti gloriosi e siti di grande interesse archeologico. Fiore all’occhiello della cittadina è la Villa Romana del Casale (IV sec. d.C.), residenza romana ricca di elementi architettonici e decorativi tra cui gli stupefacenti mosaici famosi in tutto il mondo. La Villa, tutelata dall’UNESCO dal 1997, è appartenuta ad un esponente dell’aristocrazia senatoria romana, forse un governatore di Roma. Piazza Armerina è circondata dalle foreste del Parco della Ronza e da cui ammirare suggestivi paesaggi, ad esempio nei pressi della diga Olivo o del sito archeologico di Montagna di Marzo.

ETNA E TAORMINA

Il nostro viaggio inizia visitando il più alto vulcano d’Europa, l’Etna. Arrivati in vetta, dopo aver passeggiato e fatto varie attività che offre il vulcano dal Rifugio Sapienza a circa 1900 metri accompagnate da guide autorizzate, si visiteranno i quattro crateri fino a 3000 metri di altezza.

In seguito si proseguirà per Taormina, perla del Mediterraneo, sospesa come un balcone fiorito sul Mar Ionio a dominare la baia di Giardini Naxos. Taormina è conosciuta e famosa per il suo clima, la sua ricca vegetazione, i suoi superbi palazzi, le sue eleganti piazze e la sua panoramica posizione a circa 200 metri sul mare, ai piedi del Monte Tauro. L’escursione prevede il raggiungimento di Porta Messina, l’ingresso della città, e tempo libero per la visita del centro storico dedicato anche allo shopping lungo corso Umberto e la visita al “Teatro Antico” ancora oggi, come 2300 anni fa, luogo di arte e cultura.

PALERMO E MONREALE

Visiteremo, accompagnati da una guida locale, il Duomo di Monreale, capolavoro architettonico dell’età normanna, nel quale espressioni della cultura islamica, bizantina e romanica concorrono a realizzare una delle più alte creazioni del Medioevo italiano. Fondato da Guglielmo II nel 1174 e rapidamente portato a compimento insieme all’abbazia, al palazzo reale e al palazzo arcivescovile, forma con essi un unico organico complesso. La facciata in piazza Guglielmo II è serrata tra due poderose torri quadre e preceduta da un portico settecentesco. L’interno,vasto e solenne, è di grande splendore e maestà. Le pareti delle navate, del santuario, delle absidi sono tutte rivestite di mosaici a fondo d’oro. Nell’abside mediana, in alto nel catino, la figura colossale a mezzo busto del Cristo pantocratore. 

A seguire proseguiremo per Palermo, capoluogo provinciale e regionale, situata ai piedi del Monte Pellegrino. Passeggiando per il centro storico, si va alla scoperta dei principali monumenti della città, ricchi di architettura bizantina, arabo-normanna e barocca. Visiteremo Piazza Pretoria e la chiesa della Martorana, una delle chiese in stile normanno più rinomata a Palermo.  Appuntamento immancabile sarà la visita della Cattedrale, con le sue torri gugliate, le sue bifore, i suoi archi intrecciati e ogivali. Attraverso le viuzze del tipico mercato del “Capo”, arriveremo in piazza Verdi davanti al teatro Massimo, cuore palpitante della città. Proseguiremo con un giro panoramico della città con sosta a Piazza Marina (Villa Garibaldi) per conclude con  il convento dei frati Cappuccini e la visita facoltativa delle omonime “Catacombe”.

SICILIA SCONOSCIUTA

Nel cuore del Parco della Madonie, a 700 metri sul livello del mare, a circa 10 chilometri dalla costa del Mar Tirreno, visiteremo la piccola e suggestiva Gratteri. Per la sua felice posizione, circondata da piccoli monti e colline, è sita come un “nido d’aquila sulla roccia” che domina dall’alto un panorama interminabile ed incantevole. Diventata meta di turisti, specialmente stranieri, ne apprezzeremo l’aria incontaminata, il verde sconfinato, il clima di pace rurale e la vicinanza al mare.

Proseguiremo per il Santuario di Gibilmanna,  situato a 800 m di altitudine in mezzo ad una foresta di querce e di castagni. Era uno dei sei santuari creati da Gregorio Magno nel VI sec., è il risultato di numerose modifiche di epoca barocca. La facciata è del 1907. In una cappella, merita di essere visto un affresco dell’XI sec., raffigurante la Madonna col Bambino in stile bizantino.

In seguito visiteremo Castelbuono, che deve le sue origini ai Ventimiglia, Signori della Contea di Geraci, i quali, agli inizi del 1300, decisero di costruire un castello sul poggio dominante l’antico casale bizantino di “Ypsigro”. 

A pochi chilometri dal mare, Castelbuono si è sviluppata ai piedi delle Madonie in una piacevolissima vallata abitata già nel neolitico e ricca di memorie greche, romane, arabe e bizantine. 

Passeggieremo per il pittoresco centro storico e sosteremo per una degustazione di specialità presso la rinomata pasticceria Fiasconaro. 

Per finire è compresa pure la visita del castello dei Ventimiglia, antica dimora signorile.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.use of cookies maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi